Cassetta della posta in condominio: cosa c’è da sapere

Grazie alla cassetta della posta possiamo ricevere la nostra corrispondenza e ritirarla quando ci viene più comodo, senza la possibilità che qualcuno possa sottrarla durante la nostra assenza.

Soprattutto se si tratta di cassette postali condominiali, ci sono alcune cose che è bene sapere per seguire con precisione ciò che la legge prevede e non avere brutte sorprese. Vediamo di seguito di cosa si tratta.

Dove posizionare la cassetta postale condominiale?

La normativa vigente prevede che la cassetta della posta non debba essere posizionata all’interno dell’androne o della scala o comunque in un luogo protetto da portoni o cancelli. Ciò per fare in modo che il lavoro di consegna del portalettere o dei corrieri possa essere più semplice possibile.

Per questo motivo la cassetta della posta va sempre posizionata sulla pubblica via, così come previsto dal Decreto Ministeriale del 9 Aprile 2001. In questa maniera chi deve consegnare della corrispondenza o un pacchetto può farlo senza la necessità di dover chiedere a qualcuno di poter accedere ai locali ed essere accompagnato fino al punto esatto in cui si trova la bacheca condominiale.

Nel caso di edifici realizzati prima del 2001, dunque edifici in cui sono ancora presenti le vecchie cassette della posta collocate all’interno dei locali, il consiglio è quello di sostituire la vecchia cassetta della posta con una più moderna e spostarla direttamente all’esterno dell’edificio cosicché il condominio possa adattarsi a quanto previsto dalla normativa che nel frattempo si è aggiornata.

Come fissarla sulla pubblica via?

Fissare la cassetta della posta su un muro esterno o direttamente sulla cancellata non è un problema, grazie a degli appositi supporti esistenti in commercio che consentono di saldare in maniera sicura e duratura la cassetta della posta senza che questa possa dunque in qualche modo essere sottratta o manomessa.

I moderni modelli realizzati al 100% in alluminio infatti consentono di stare tranquilli in quanto diventa pressoché impossibile andare a forzare la cassetta per cercare di sottrarre la corrispondenza. Al tempo stesso grazie agli appositi supporti di fissaggio diventa impossibile cercare di danneggiare in qualche modo l’intera cassetta con l’intento di sottrarla. Dunque bisogna pensare che la propria cassetta è assolutamente al sicuro anche se si trova all’esterno del condominio.

Chi deve pagare le cassette della posta e la loro manutenzione?

I costi relativi all’acquisto delle cassette postali, così come quelli relativi alla loro manutenzione, sono da ripartire in parti uguali tra tutti i condomini. Parliamo chiaramente delle spese di acquisto e montaggio delle stesse, nonché della loro  manutenzione.

Diverso è il caso per il quale si presenta il danneggiamento o la rottura di una singola cassetta della posta. In questo caso la spesa interesserà esclusivamente il titolare di quella determinata cassetta e non sarà dunque un costo da ripartire tra tutti gli abitanti del condominio. Parliamo chiaramente di cifre sicuramente abbordabili anche in considerazione del fatto che la spesa è ripartita tra più persone.

Cosa scrivere sulla targhetta?

La legge prevede che ciascuna cassetta della posta debba recare una targhetta che presenti il nome ed il cognome dell’intestatario di quella cassetta della posta. In questa maniera per il portalettere o corriere è molto più facile andare ad individuare il titolare della cassetta e dunque lasciare la corrispondenza per lui.

Questo elemento, ovvero quello della targhetta con il nome, è davvero importante perché in sua assenza, o in caso di nome non facile da leggere, il portalettere potrebbe decidere di lasciare un avviso di giacenza e invitare l’utente ad andare a recuperare la sua corrispondenza direttamente presso l’ufficio postale.