Cassetta della posta in condominio: cosa c’è da sapere

Grazie alla cassetta della posta possiamo ricevere la nostra corrispondenza e ritirarla quando ci viene più comodo, senza la possibilità che qualcuno possa sottrarla durante la nostra assenza.

Soprattutto se si tratta di cassette postali condominiali, ci sono alcune cose che è bene sapere per seguire con precisione ciò che la legge prevede e non avere brutte sorprese. Vediamo di seguito di cosa si tratta.

Dove posizionare la cassetta postale condominiale?

La normativa vigente prevede che la cassetta della posta non debba essere posizionata all’interno dell’androne o della scala o comunque in un luogo protetto da portoni o cancelli. Ciò per fare in modo che il lavoro di consegna del portalettere o dei corrieri possa essere più semplice possibile.

Per questo motivo la cassetta della posta va sempre posizionata sulla pubblica via, così come previsto dal Decreto Ministeriale del 9 Aprile 2001. In questa maniera chi deve consegnare della corrispondenza o un pacchetto può farlo senza la necessità di dover chiedere a qualcuno di poter accedere ai locali ed essere accompagnato fino al punto esatto in cui si trova la bacheca condominiale.

Nel caso di edifici realizzati prima del 2001, dunque edifici in cui sono ancora presenti le vecchie cassette della posta collocate all’interno dei locali, il consiglio è quello di sostituire la vecchia cassetta della posta con una più moderna e spostarla direttamente all’esterno dell’edificio cosicché il condominio possa adattarsi a quanto previsto dalla normativa che nel frattempo si è aggiornata.

Come fissarla sulla pubblica via?

Fissare la cassetta della posta su un muro esterno o direttamente sulla cancellata non è un problema, grazie a degli appositi supporti esistenti in commercio che consentono di saldare in maniera sicura e duratura la cassetta della posta senza che questa possa dunque in qualche modo essere sottratta o manomessa.

I moderni modelli realizzati al 100% in alluminio infatti consentono di stare tranquilli in quanto diventa pressoché impossibile andare a forzare la cassetta per cercare di sottrarre la corrispondenza. Al tempo stesso grazie agli appositi supporti di fissaggio diventa impossibile cercare di danneggiare in qualche modo l’intera cassetta con l’intento di sottrarla. Dunque bisogna pensare che la propria cassetta è assolutamente al sicuro anche se si trova all’esterno del condominio.

Chi deve pagare le cassette della posta e la loro manutenzione?

I costi relativi all’acquisto delle cassette postali, così come quelli relativi alla loro manutenzione, sono da ripartire in parti uguali tra tutti i condomini. Parliamo chiaramente delle spese di acquisto e montaggio delle stesse, nonché della loro  manutenzione.

Diverso è il caso per il quale si presenta il danneggiamento o la rottura di una singola cassetta della posta. In questo caso la spesa interesserà esclusivamente il titolare di quella determinata cassetta e non sarà dunque un costo da ripartire tra tutti gli abitanti del condominio. Parliamo chiaramente di cifre sicuramente abbordabili anche in considerazione del fatto che la spesa è ripartita tra più persone.

Cosa scrivere sulla targhetta?

La legge prevede che ciascuna cassetta della posta debba recare una targhetta che presenti il nome ed il cognome dell’intestatario di quella cassetta della posta. In questa maniera per il portalettere o corriere è molto più facile andare ad individuare il titolare della cassetta e dunque lasciare la corrispondenza per lui.

Questo elemento, ovvero quello della targhetta con il nome, è davvero importante perché in sua assenza, o in caso di nome non facile da leggere, il portalettere potrebbe decidere di lasciare un avviso di giacenza e invitare l’utente ad andare a recuperare la sua corrispondenza direttamente presso l’ufficio postale.

Mai più ladri in casa, grazie alle inferriate

Di questi tempi è sempre più frequente venire a conoscenza di episodi di effrazione verificatisi all’interno di abitazioni ma anche uffici e attività commerciali su strada. In particolar modo questi fenomeni si sono acuiti dal momento in cui è iniziata la pandemia, e al momento si tratta di un trend che non sembra essere destinato a finire ma al contrario si protrae nel tempo.


L’esigenza di mettere in sicurezza la propria casa

Proprio per questo motivo tante persone stanno cercando di correre ai ripari adottando le soluzioni che più ritengono idonee per arginare il problema e mettere in sicurezza il luogo in cui si vive, l’ufficio o la propria attività commerciale.

Tra questi vi sono sicuramente le inferriate apribili e quelle fisse, che sono delle soluzioni particolarmente efficaci in quanto rappresentano una barriera fisica molto difficile (se non impossibile) da superare per qualsiasi malintenzionato.

Inferriate di sicurezza fisse e apribili

Esistono i modelli specifici che sono apribili per consentire il passaggio delle persone, ad esempio su porte e accessi secondari o porte-finestre, così come esistono direttamente le inferriate di sicurezza fisse che non possono essere aperte e che dunque rappresentano un sistema di chiusura permanente, ottimo ad esempio per le finestre.

L’eleganza del ferro battuto

Il bello di questo tipo di sistema è che ha anche un impatto architettonico particolarmente gradevole, grazie alla lavorazione del ferro battuto e conseguente design ricercato, che fa sì che  questo tipo di soluzione abbia un impatto estetico particolarmente elegante, in grado di adattarsi ad ogni tipo di contesto e dunque di rappresentare un elemento in grado di arricchire e valorizzare ogni tipo di porta o finestra.

Quella delle inferriate è dunque la soluzione che più delle altre consente di poter indurre ogni tipo di malintenzionato a desistere e spostare le sue mire su obiettivi più facili da raggiungere in quanto meno protetti.

Lampada artistica: la scelta giusta per case, uffici o negozi

Siete alla ricerca di lampade di design? Scegliere la lampada perfetta talvolta non è facile. Ogni zona della casa oppure del proprio ufficio, ha bisogno del tocco giusto. Per arredare un’area che magari sembra un po’ più spoglia, vi sono tante idee. In primis, l’uso di una lampada.

Le lampade artistiche possono essere una buona soluzione. Ve ne sono da tavolo, da terra o da soffitto: vi è una varietà senza fine a disposizione! Trovare le lampade artistiche giuste, potrebbe però risultare non molto semplice. Per tali motivi, bisogna fare attenzione a ogni dettaglio.

Come scegliere una lampada artistica

La scelta di una lampada artistica, talvolta parte da una domanda: che tipo di funzione avrà questa lampada? Inoltre, poi bisogna chiedersi anche in quale stanza andremo ad usarla.

Ad esempio, vi sono lampade di design che sono ideali per gli uffici. Si tratta di oggetti realizzati in metallo, in vetro o in altri materiali molto eleganti, che riescono a dare un tocco moderno o talvolta di stile ad un intero ambiente.

Se la loro funzione principale è quella di abbellire solo uno spazio, allora si consiglia di scegliere delle lampade da terra. Queste lampade sono disponibili in varie tipologie: moderne, classiche o anche in stile vintage.

I vari tipi di lampada artistica

Tra le lampade artistiche più richieste vi sono quelle da terra, quelle da tavolo ma anche quelle a sospensione o da parete. Valutando tutte le tipologie, sicuramente la lampada da parete risulta quella più adatta per ambienti come lo studio o la cucina.

In particolar modo, quella da terra si adatta alle aree living, ad un ufficio o a tre grandi sale d’attesa, ma anche ad esempio, ad una camera da letto. La lampada a sospensione invece, è ideale per ogni tipo di ambiente.

Gli unici limiti sono quello della fantasia e del gusto personale. Ricordate sempre che mettere una lampada di design all’interno di una stanza, che sia un ufficio o che si tratti di mura domestiche, richiede sempre il dover guardare con attenzione a quello che è lo stile dell’ arredo circostante.

Più competitività con i laser industriali

Essere competitivi sul mercato, e riuscire ad offrire prodotti di ottima qualità ad un prezzo il più possibile conveniente per il cliente finale, è oggi la sfida alla quale sono chiamate tantissime aziende e realtà commerciali di ogni tipo.

I fattori che concorrono ad aumentare tale livello di competitività sono molteplici e sicuramente tra questi vi sono i materiali che arrivano da oltreoceano, e dunque da paesi in cui i costi di produzione sono particolarmente bassi.

Laser industriali e aumento della produttività

Uno degli strumenti più efficaci e che consente effettivamente di aumentare la qualità della produzione sono i laser industriali, una soluzione che consente di rispondere in maniera adeguata ed efficace alle richieste di mercato che sono sempre più esigenti.

Il laser industriale trova applicazione in tantissimi campi quali ad esempio quello militare, scientifico ed estetico, e consente di ottenere risultati che i sistemi di lavorazione tradizionale non riescono in alcun modo di ottenere.

I vantaggi del laser industriale

Uno dei vantaggi principali è quello di riuscire ad avere una precisione di taglio che è impossibile da ottenere con qualsiasi altro strumento ad oggi esistente, così come l’assenza di una pressione meccanica sul pezzo sul quale si sta andando a lavorare. Grazie al laser è anche possibile andare a lavorare su profili particolarmente complessi e ottenere raggi di curvatura impensabili da ottenere con qualsiasi altro tipo di strumento.

A questo si unisce chiaramente una maggiore velocità di esecuzione e dunque un risparmio per quel che riguarda i tempi di lavoro e la manodopera, con i costi di produzione che vanno inevitabilmente a diminuire con tutti i vantaggi economici che conseguono per l’azienda.

Parliamo infine di una tipologia di tecnologia che è possibile definire “pulita”, in quanto non inquina e non necessita di sostanze chimiche o altri materiali inquinanti per poter funzionare, ma si limita all’utilizzo del raggio laser per effettuare le incisioni prescelte.

L’utilità di un portabadge

Uno dei problemi di lavoratori e di tutti i colori quali sono in possesso di un badge che consente loro di accedere ai locali in cui viene svolta una determinata attività lavorativa, è quello di portare sempre con sé il badge senza smarrirlo o dimenticarlo a casa, ma anche quello di riuscire a mantenerlo integro nel tempo e fare in modo che questo non possa rovinarsi all’interno del portafogli o addirittura smagnetizzarsi.

Nulla infatti, è più fastidioso dell’arrivare sul luogo di lavoro e scoprire di aver dimenticato in altro luogo il badge che consente di accedere ai locali, oppure di averlo portato con sé ma di non riuscirlo a trovare magari perché questo si trova tra mille altre cose all’interno di una borsa o in una qualsiasi tasca tra quelle della giacca o del pantalone. I portabadge che propone Cotini srl servono proprio a risolvere tale tipo di necessità e consentire a tutti di poter avere il proprio badge sempre a portata di mano ed in perfette condizioni.

L’astuccio in plastica rigida

In particolar modo esistono due tipi di portabadge: Il primo è quello in plastica con asola, un comodo astuccio portabadge in plastica rigida trasparente che consente di attaccare l’astuccio al cordoncino grazie alla comoda asola. Tale accessorio consente di custodire in maniera perfetta il proprio badge e avere la certezza che questo non vada a rovinarsi nel tempo magari all’interno del portafogli o del luogo in cui siamo soliti riporlo.

Il cordoncino colorato

Il secondo accessorio è invece un cordoncino colorato per portabadge, disponibile in 10 differenti colorazioni e che include anche il moschettone, così da potervi agganciare il portabadge. È realizzato in nylon ed è acquistabile in lotti da 10 pezzi. Avendolo sempre al collo sarà dunque molto più difficile smarrirlo o poggiarlo in un posto e poi essere costretti a doverlo cercare continuamente.

Entrambi questi accessori sono in grado di risolvere quello che è un piccolo problema di chi fa solitamente uso del badge, e consente anche di preservarne l’integrità nel tempo.

Saldi da 3,5 miliardi di euro. Da Confcommercio i consigli per evitare fregature

Per i saldi estivi del 2018, secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature scontate poco meno di 230 euro per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro.

Previsioni di vendita in linea con il 2017

“Dopo una stagione primavera/estate non proprio esaltante dal punto di vista dei consumi di abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori ed articoli sportivi c’è attesa per questi saldi estivi che rappresentano un banco di prova per il dettaglio moda multibrand. I saldi, tenendo conto anche di previsioni di vendita pressoché in linea con quelle dell’anno scorso, continuano ad essere appetibili per i consumatori nonostante un contesto di concorrenza globale, o meglio di ‘dittatura digitale’, capace di condizionare tutto, dalla filiera produttiva al modo delle persone di consumare e relazionarsi. Abbiamo chiesto l’introduzione della web tax perché i colossi del web devono stare nello stesso mercato con le stesse regole e con le stesse imposte delle nostre attività. A questo proposito, auspichiamo che la Ue guardi a quanto deciso dalla Corte Suprema USA che ha dato il via libera alle tasse sulle vendite on-line” ha dichiarato ad Askanews il Presidente di Federazione Moda Italia e Vice Presidente di Confcommercio, Renato Borghi.

Acquisti corretti, le regole da seguire

  1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
  2. Prova dei capi: non c’è obbligo. E’ rimesso alla discrezionalità del negoziante.
  3. Pagamenti: le carte di credito devono essere sempre accettate da parte del negoziante.
  4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.

5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale

Il caffè ha il suo galateo: i consigli dell’esperta di bon ton

Facile dire “vuoi un caffè?”, ad amici, conoscenti o parenti in visita a casa nostra. Invece, l’insidia è dietro l’angolo. Anche se si offre un caffè di qualità come quello garantito dai prodotti Cialdamia, lo store online dove trovare tutto quello che occorre – dalle capsule nespresso compatibili alle macchine fino agli accessori – per l’italico rito della tazzina. Perché, come avverte l’esperta di bon ton Csaba dalla Zorza, food writer maestra nell’arte del ricevere, anche il caffè ha le sue rigide regole. Il prontuario del galateo del caffè insegna a tutti come proporre, servire e addirittura bere una tazza di caffè: senza sbavature e senza errori.

Mai a tavola

 Solo al ristorante il caffè viene servito a tavola. Tra le mura di casa, dove gli spazi sono limitati, “ci si accomoderà su un divano davanti al quale si posizionerà un vassoio con tutto l’occorrente: le tazzine, la caffettiera, lo zucchero riposto in una zuccheriera con il relativo cucchiaino, un numero di cucchiaini pari alle tazzine e possibilmente uguali tra loro ed eventuale latte o panna per accompagnare il tutto” precisa l’esperta.

Lo zucchero? Deve provvedere la padrona di casa

La padrona (o il padrone) di casa dovrà chiede a ogni ospite quanto zucchero desidera e a riempire la tazzina come richiesto. Poi dovrà porgere la tazza insieme al cucchiaino all’ospite. Quest’ultimo mescolerà il proprio caffè e appoggerà il cucchiaino sul piattino.

Le regole del caffè in cialda

Visto il diffondersi delle macchine domestiche a cialde non poteva mancare l’indicazione giusta anche per questa tipologia di consumo. Il caffè andrà ovviamente preparato in cucina, ma sempre servito in sala, su un vassoio. Se le tazze sono numerose e c’è quindi il pericolo che si raffreddino, l’esperta suggerisce di riscaldarle per qualche minuto in forno a 50°. Quando tutto è pronto, la padrona di casa, in salotto, aggiungerà lo zucchero e porgerà i caffè stando seduta con i suoi ospiti.

Cucchiaino solo per girare (piano)

Il cucchiaino va posto sul piatto dal lato del manico e possibilmente alla destra dell’ospite. Per mescolare lo zucchero, l’ospite deve girarlo piano, possibilmente senza sbatterlo e senza far rumore, procedendo dall’alto verso il basso. Una volta usato, il cucchiaino va posto sul piatto e mai e poi mai messo in bocca. Anche a costo di lasciare nella tazza una schiuma invitante. Non è un comportamento educato.

Composti e con mignoli al loro posto

L’esperta di bon ton afferma che “Nel gustare il proprio caffè l’ospite avrà cura di non fare rumore e non rovesciare mai la testa all’indietro per far scendere l’ultima goccia. La tazza, inoltre, si prende sempre con la mano destra dal lato del manico (eccezion fatta per i mancini) con un gesto garbato, avendo cura di non sollevare il mignolo e tenendo il braccio il più vicino al corpo per non agitare il gomito. Per far ciò è bene tenere con la mano sinistra il piattino con sopra il cucchiaino e se il caffè è servito a tavola, il piattino dovrà rimanere sulla tovaglia”.

E dopo?

Il caffè va servito al termine del pasto, in salotto, e una volta terminato le tazzine vanno sparecchiate con un vassoio. Si potranno poi offrire ai propri ospiti dei liquori e dei cioccolatini, posti su un vassoio d’argento o comunque prezioso. Non dovranno mancare una caraffa d’acqua e dei bicchieri alti, senza stelo.